Futurismo: La nascita dell’avanguardia, 1910-1915, Palazzo Zabarella, Padova, via Zabarella 14, dal 1 ottobre al 26 febbraio 2023

La mostra, curata da Fabio Benzi, Francesco Leone, Fernando Mazzocca, ospita 121 opere di grande livello, alcune delle quali inedite o esposta molto raramente, come un quadro di Segantini e una delle prime opere di Evola, o di Boccioni. Sono presenti tutti gli artisti che hanno partecipato alla nascita del movimento futurista: Boccioni, Balla, Carrà, Romani, negli anni in cui il movimento si è formato e strutturato, rendendosi sempre più consapevole della propria diversità e autonomia estetica rispetto al simbolismo e al divisionismo.

Sono gli anni in cui la novità rispetto ai maestri precedenti, pure amati dai futuristi, si gioca sulla possibilità di interpretare il movimento, il dinamismo del reale (in sintonia con filosofie vitaliste come quella di Bergson) e la modernità nuova della vita cittadina e delle macchine, sulla rottura della rappresentazione statica conforme alle leggi astratte della prospettiva, e sulla capacità di emozionare l’osservatore del quadro coinvolgendolo al punto da farlo sentire all’interno del quadro stesso, come scrive Boccioni.

Si tratta di progettare una ricostruzione artistica dell’universo che, nel 1915, vedrà nella guerra (nella conflagrazione universale) la possibilità di una ricostruzione anche politica, abbattendo i grandi imperi reazionari e dando vita a una nuova Europa democratica.

Comunicati e informazioni: www.zabarella.it/mostre/futurismo

CATALOGO DELLA MOSTRA

Vedi anche:
Luciano De Maria: La nascita dell’avanguardia. Saggi sul futurismo italiano
Claudia Salaris: Futurismo. L’avanguardia delle avanguardie. Ediz. illustrata
Futurismo su Amazon

F. T. Marinetti: Come si seducono le donne e si tradiscono gli uomini

Ti potrebbe piacere: