Antonio Labriola: In memoria del Manifesto dei Comunisti

Antonio Labriola: In memoria del Manifesto dei Comunisti

Seguito dalla traduzione del Manifesto del Partito Comunista di Marx ed Engels

In memoria del Manifesto dei comunisti è il primo dei Saggi intorno alla concezione materialista della storia, scritto da Antonio Labriola; fu pubblicato in prima edizione nel 1895 dalla casa editrice Ermanno Loescher di Roma, su istanza di Benedetto Croce. Il testo che qui si riproduce è quello della terza edizione, sempre per Loescher, che è l’ultima edizione rivista dall’autore. Per l’occasione, Labriola vi aveva aggiunto la sua traduzione del Manifesto del partito comunista che, pur non essendo la prima, come a volte si afferma, è certo la migliore fino ad allora pubblicata in Italia.

Antonio Labriola (1843-1904) è stato uno dei primi tra i principali studiosi italiani del marxismo, che intese in senso critico, non come un sistema di formule dogmatiche, quasi deterministiche, ma come un rigoroso metodo di analisi delle condizioni sociali mirante a definire la specificità dei contesti storici in cui il movimento operaio deve trovare le adeguate strategie di trasformazione della società. Infatti, i processi economici, che rappresentano il punto di partenza dell’azione socialista, non sono gli stessi in ogni paese e in ogni epoca e pertanto richiedono interventi politici diversificati in ciascun caso. In modo complementare, Labriola non considerò la sovrastruttura culturale, che poggia sopra la struttura economica, come un prodotto automatico di questa, ma le riconobbe un elevato grado di complessità e di autonomia.

Nelle sue indagini applica il metodo del materialismo dialettico, che di per sé non implica alcuna affermazione metafisica, ma è il progetto di analizzare i fatti storici e sociali senza far intervenire, nella loro spiegazione, alcuna entità che non sia essa stessa intrinseca ai fatti storici e sociali.

Weimar Caffè: modernità e memorie